Il mondo dei surgelati

mondoNuova ricerca IIAS sulla creatività in cucina con i surgelati…

Continua

I consumi

grafico-consumi

L'intera documentazione relativa alle tabelle, alle statistiche e ai relativi commenti è disponibile... Continua

Le novità

logo-per-sitoUna carrellata di prodotti surgelati dalle principali Aziende del settore...
Continua

IL RUOLO DEGLI ALIMENTI SURGELATI NELLE SCELTE ALIMENTARI DEGLI ITALIANI.

Si è svolta il 23 novembre scorso a Milano la Conferenza stampa del nostro Istituto dedicata alla presentazione dei risultati della ricerca Astarea “il ruolo degli alimenti surgelati nelle scelte alimentari degli italiani”.

Perché la ricerca

Gli alimenti surgelati sono sempre più al centro delle scelte alimentari degli italiani e l’IIAS ha deciso di lanciare – dopo quasi dieci anni dalla precedente – una nuova ricerca sul vissuto di questi prodotti.
L’Istituto Astarea, chiamato a svolgere la ricerca, ha interpellato la scorsa estate un campione di 1.000 casi rappresentativo della popolazione italiana (18 – 65 anni); modalità di intervista CAWI (via internet).
Il quadro che ne esce è confortante, il consumatore identifica, infatti, i surgelati come gli autentici interpreti della modernità alimentare.


Dati e orientamenti

Oggi circa il 92% degli italiani dichiara di consumare surgelati; di essi circa il 70% li utilizza una o più volte alla settimana.
Le famiglie più alto consumanti sono quelle con figli piccoli; l’incremento del consumo dei surgelati negli ultimi 5 anni riguarda in primis la categoria più consigliata dai nutrizionisti , i vegetali (zuppe e minestroni al primo posto). A testimonianza della “universalità” e “trasversalità” dei surgelati troviamo a seguire differenti tipologie di prodotto: patate fritte/preparate e pizza, da una parte; il pesce, dall’altra.
Gli alimenti surgelati guadagnano un riconoscimento molto positivo presso gli italiani: il “voto” sui diversi elementi di valutazione  è sempre molto alto.
I valori funzionali, praticità e servizio, ma anche un valore ad alto contenuto culturale come la sicurezza, sono tra i più riconosciuti.

Approcci e nuove tendenze d’acquisto

Door to Door

Il principale vantaggio riconosciuto dal consumatore alla vendita di surgelati a domicilio risulta la comodità a 360°: trasporto diretto a domicilio, risparmio di tempo e possibilità di disporre dei prodotti in casa sempre e comunque.
Viene richiesta in ogni caso una logistica più snella (orari, tempi, attese), che venga incontro alle aspettative di un fruitore oggi sempre più impegnato fuori casa.

Mense scolastiche

La presenza degli alimenti surgelati nelle mense scolastiche riscontra un consenso “moderato” (molto + abbastanza favorevoli: 66%), anche se i consumatori poco favorevoli sono una minoranza.
Da segnalare l’ampia propensione delle famiglie a identificare l’alimentazione scolastica quale garante di una sana dieta per i bambini, come dimostra l’invito ad utilizzare nelle mense i vegetali o il pesce, che sono alimenti più difficilmente gestibili – per motivi diversi – a livello domestico.

Conoscenze e competenze

Il consumatore mostra di conoscere meglio che in passato l’importante differenza esistente tra alimenti surgelati e congelati.
Anche la sua competenza rispetto ai peculiari vantaggi offerti dai surgelati (valori nutrizionali “bloccati” entro poche ore dalla tecnologia del freddo profondo e mantenuti ad alti livelli) appare decisamente accresciuta.


Alimenti surgelati e stili alimentari 

Il vissuto degli alimenti surgelati risulta molteplice sul piano socio-culturale.
Prendendo a riferimento la mappa delle tendenze Astarea “Andare a tempo ®”, sono stati evidenziali 4 stili alimentari che denotano approcci diversi.

• I “Pragmatici Risparmiosi” (31,3% della popolazione) - la tipica famiglia italiana media con un forte bisogno di efficienza - dichiarano un’altissima frequenza di consumo dei surgelati che privilegia vegetali, patate fritte, hamburger.

• Anche i “Frugalisti Smart” (24,5%), di gusti essenziali e qualificati, fautori della cultura ambientalista, del biologico e delle diete vegetariane, si rivelano alto consumanti di alimenti surgelati, ma con un approccio più selettivo che riduce la scelta di prodotti fast come patate fritte ed hamburger, e preferisce decisamente i vegetali.

• I “Basici Disimpegnati” (22,9%), buone forchette senza troppe pretese, e guidati nelle scelte da esigenze di semplificazione e di risparmio, appaiono abbastanza disinteressati nei confronti della categoria e leggermente sotto-media nel consumo, soprattutto per quanto riguarda i prodotti più pregiati come il pesce, o da elaborare come le paste semilavorate.

• I “Gourmand Contemporanei” (21,3%), cosiddetti Foodies, amanti del cucinare e della gastronomia anche a dispetto di istanze salutistiche, aperti alla sperimentazione di nuovi prodotti e ricette, mostrano invece consumi meno intensi con un significativo distacco nei confronti dei prodotti fast e dei piatti pronti.

ricerca astarea
La ricerca è in area riservata, per leggerla è necessario registrarsi [entra qui].

Qui di seguito riportiamo la RASSEGNA STAMPA cartacea e multimediale relativa ai risultati della Conferenza Stampa IIAS del 23 Novembre 2011, in occasione della quale sono stati presentati i risultati della ricerca IIAS-ASTAREA sul " Ruolo degli alimenti surgelati nelle scelte alimentari degli italiani".


Per ulteriori informazioni potete scrivere al seguente indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

Guarda il Video

Un servizio trasmesso da un TG nazionale sulle peculiarità dei surgelati.

surgelati_in_tv

Premio giornalistico

2014: E' iniziata la XXIII° edizione del premio giornalistico IIAS.

 premio-giornalistico

Domande frequenti

Qual è il primo passo della surgelazione? C'è differenza tra congelazione e surgelazione?

faq

Team IIAS

L'IIAS è vicino alle Aziende, agli operatori del settore e ai consumatori.

team-iias